L'ARTE "DOLCE VITA - GOOD IN ITALY

PRESIDENTE ON. SANDRA CIOFFI
IN COLLABORAZIONE CON ITA | ITALIAN TALENT ASSOCIATION
Direttore Stefania Giacomini
Project Web Manager    Raffaella Giuliani

GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197 DEL 2014
Fondatori Giacomini - Giuliani

Vai ai contenuti

HOME |  L'ARTE "DOLCE VITA                                                         |  ARCHIVIO    

____________________________________________________________________________________________________________________________
L'ARTE "DOLCE VITA
Date: 02/06/2015
OCCHIO SUL MONDO... | MODA COSTUME DESIGN | ARTE CULTURA E SPETTACOLO | AMBIENTE ARCHITETTURA| MOSTRE ED EVENTI

____________________________________________________________________________________________________________________________

GOODINTALY E L'ARTE "DOLCE VITA ? “ARCHITETTURA E DESIGN DAL 1900 AL 1940. UNA MOSTRA A PARIGI . GOODINITALY AND ARTISTIC MOUVEMENTS FROM LIBERTY TO ITALIAN DESIGN.AN INTERESTING EXIBITION IN PARIS


Si esce dalla Gare d'Orsay con un po di orgoglio ed ottimismo in piu' dopo aver visto "Dolce vita? Dal liberty al design italiano .1900 -1940”. L’unica cosa che non convince e'il titolo che porta un po'fuori strada. Non sembra avere attinenza col contenuto. Il termine evoca gli anni '60 quando usci il film di Fellini 'Dolce

vita’. In molti dicono che il nome nacque ispirandosi ad un golf a collo alto tanto di moda allora. Collo 'alla dolce vita'appunto. La mostra ci racconta,infatti, l'evoluzione dell' art nouveau che in Italia prende il nome di liberty mostrandoci anche superbi e, ancora oggi ,moderni mobili firmati Carlo Bugatti.Si arriva poi attraverso il movimento avanguardia futurista fondato da Tommaso Marinetti con Balla e Depero, (che nelle loro case artistiche creano una ricca produzione di oggetti artistici e d'uso quotidiano),alla Metafisica di Giorgio De Chirico e Alberto Savinio recuperando un dialogo con l'arte classica .In opposizione alle avanguardie però 'si sviluppano dalla metà degli anni del 1900 alcuni artisti come Sironi,Fumi e Oppi capitanati dalla critica Margherita Sarfatti :guardano al passato dando vita al 'classicismo moderno'e riscoprendo maestri come Giotto e Piero della Francesca..nelle arti decorative figura dominante e' Giò Ponti. Si arriva poi al 1926 con un gruppo di architetti lombardi tra cui Terragni che, attratti da teorie di Le Corbusier, fondano il "Gruppo 7"dando vita al movimento razionalista italiano. SI gettano così le basi del nascente 'design' industriale.


LASCIATE UN COMMENTO


GOOD IN ITALY © 2013  | PRIVACY POLICY  |   EMAIL GOODINITALY@GMAIL.COM
Cierredata srl - Servizi Web e audivisivi |  Sede Legale: Clivo di Cinna,221 – 00136 Roma Tel 06 35404492 Fax +39 1782201336 P.IVA 08838561002
GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197/2014 | Direttore responsabile: Stefania Giacomini
Torna ai contenuti