“DONNE!!! E’ ARRIVATO LO SMART WORKING”: L’ULTIMO LIBRO DI SIMONA BRANCHETTI | GOOD IN ITALY WEBTV - GOOD IN ITALY

PRESIDENTE ON. SANDRA CIOFFI
IN COLLABORAZIONE CON ITA | ITALIAN TALENT ASSOCIATION
Direttore Stefania Giacomini
Project Web Manager    Raffaella Giuliani

GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197 DEL 2014
Fondatori Giacomini - Giuliani

Vai ai contenuti

“DONNE!!! E’ ARRIVATO LO SMART WORKING”: L’ULTIMO LIBRO DI SIMONA BRANCHETTI di Sebastiano Depperu
Come cambiano i tempi e i modi di lavorare per il mondo femminile
ATTUALITA'

Essere donna, mamma e lavoratrice non è facile. Non lo è mai. Ed è molto difficile soprattutto in tempo di pandemia. L’emergenza sanitaria, che ha profondamente segnato il 2020 ha, infatti, inciso sul vivere quotidiano, modificando le dinamiche familiari e introducendo in modo improvviso e improvvisato una nuova modalità di lavoro, lo “smart working” che ha costretto le persone a ripensare il proprio tempo e i propri spazi. Come hanno inciso questi cambiamenti sulle donne? E cosa hanno evidenziato nel rapporto con gli uomini?
Domande alle quali ha cercato di dare risposta la giornalista Simona Branchetti con il suo saggio “Donne!!! E’ arrivato lo smart working”, edito da Leima. Se un tempo si sentiva dire “Donne, è arrivato l’arrotino”, ora con la Branchetti cambia. Nel suo saggio, l’autrice svela pregi e difetti dello ‘smartworking’(lavoro al computer) attraverso l’esperienza diretta di alcune donne - insegnanti, manager, avvocati e non solo - che, con le loro testimonianze, hanno raccontato come spesso tale esperienza si sia trasformata in un’impresa di “extreme working” (lavoro duro) . Lavorare da casa ha evidenziato, infatti, l’esistenza di una disparità di ruoli ancora fortemente radicata nel nostro tessuto sociale. Le donne sono state chiamate nell’emergenza ad essere ancora più “multitasking”(polifunzionali) di quanto già abitualmente non lo siano. Ed il lavoro diventa più duro e non finisce mai perché si unisce alle faccende di casa. Il saggio, numeri e dati alla mano, sottolinea come, su differenza di genere ed equità del salario, il nostro Paese sia indietro rispetto agli obiettivi fissati dall’Europa.
Simona Branchetti va oltre tutto e tutte. Vuole capire la condizione della donna del 2020 che cambia rispetto agli anni passati. La giornalista del Tg5 si pone (e pone) interrogativi critici nel suo libro impostato come inchiesta giornalistica sulle donne lavoratrici, alle quali è dedicato anche un decalogo per ottimizzare al meglio il lavoro da casa.
AUTRICE
Simona Branchetti è conduttrice del Tg5 di Mediaset dal 2007. La giornalista ha, anche, lavorato a Skytg24, dove conduceva la fascia centrale del Tg, dalle 12 alle 18.30.
Laureata in Giurisprudenza a Bologna ha mosso i primi passi nel giornalismo lavorando per la carta stampata scrivendo di cronaca locale per La Voce di Forlì. Arriva a Roma nel 2002 e lavora nella redazione di Stream News.
Giornalista professionista dal 2005, è da sempre molto attenta ai temi legati alla condizione femminile: violenza contro le donne, gender gap e stereotipi di genere.
Insignita del premio Magna Grecia Award 2019 per il suo impegno per la causa femminile.


GOOD IN ITALY © 2013  | PRIVACY POLICY  |   EMAIL GOODINITALY@GMAIL.COM
Cierredata srl - Servizi Web e audivisivi |  Sede Legale: Clivo di Cinna,221 – 00136 Roma Tel 06 35404492 Fax +39 1782201336 P.IVA 08838561002
GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197/2014 | Direttore responsabile: Stefania Giacomini
Torna ai contenuti