APPIA ANTICA: TRA ALBERI SECOLARI E TOMBE | GOOD IN ITALY WEBTV - GOOD IN ITALY

PRESIDENTE ON. SANDRA CIOFFI
IN COLLABORAZIONE CON ITA | ITALIAN TALENT ASSOCIATION
Direttore Stefania Giacomini
Project Web Manager    Raffaella Giuliani

GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197 DEL 2014
Fondatori Giacomini - Giuliani

Vai ai contenuti

HOME | APPIA ANTICA: TRA ALBERI SECOLARI E TOMBE  
|  ARCHIVIO    

APPIA ANTICA: TRA ALBERI SECOLARI E TOMBE di Stefania Giacomini
Date: 20/06/2020
ATTUALITA'
______________________________________________
APPIA ANTICA: TRA ALBERI SECOLARI E TOMBE di Stefania Giacomini

Si possono imparare tante modi di vivere dei nostri antichi romani anche facendo una passeggiata lungo l’Appia Antica. Percorso istruttivo non solo per i più piccoli ma anche per appassionati di botanica e di storia.
Il servizio, con l’aiuto del green coach Diego Lao, ci indica quali piante animano la Via Appia e ci spiega solo alcune delle tombe presenti lungo l’antica via romana che meriterebbe sicuramente un ripristino per essere valorizzata e poter diventare una delle tante mete turistiche di punta della capitale. Qui di seguito solo alcune note sulla Via Appia
Un lungo racconto che si snoda attraverso i secoli: con i suoi 2300 anni di storia, l’Appia Antica mostra intatti i segni di un passato illustre e affascinante, ancora ben visibili tra le rovine che si affacciano ai bordi della strada. Episodi della grande storia e di vita quotidiana riecheggiano in questo scenario idilliaco fin dai tempi dell’antica Roma, in un continuo svolgimento tra i “secoli bui” del Medioevo, passando per il Rinascimento, fino alla realizzazione del museo all’aria aperta voluto da Papa Pio IX alla metà dell’Ottocento. E negli anni 30 si inzia il recupero della Via Appia come Parco Nazionale
La Via Appia Antica aveva inizio a Porta Capena, nei pressi del Circo Massimo, per proseguire verso sud con un tracciato lineare e agevole fino a raggiungere Capua e successivamente Brindisi.

Per i primi 4 km, la carreggiata antica non è più visibile e i monumenti principali sono raggiungibili percorrendo le moderne Viale delle Terme di Caracalla e Via di Porta San Sebastiano. Dall’incrocio con Via Ardeatina, però, all’altezza della chiesa del “Domine, quo vadis?” comincia un lungo rettilineo della strada romana eccezionalmente ben conservato e costellato di centinaia di monumenti antichi che sfilano ai bordi della carreggiata.
Il tratto demaniale della Via Appia si snoda per una lunghezza di circa 12 km dal civico 195 a Frattocchie, frazione del comune di Marino.
In questa sezione viene fornita una mappa interattiva con la descrizione dei luoghi più importanti e significativi visitabili percorrendo la Via Appia Antica dal I al IX miglio. Si ricorda che essi costituiscono solo una piccola parte delle testimonianze del passato che ancora animano questo suggestivo tratto di campagna romana, dove nessuna barriera architettonica o naturale si interpone tra il visitatore e la splendida vista dei Castelli.
Per saperne di più ecco il link di Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Via_Appia


GOOD IN ITALY © 2013  | PRIVACY POLICY  |   EMAIL GOODINITALY@GMAIL.COM
Cierredata srl - Servizi Web e audivisivi |  Sede Legale: Clivo di Cinna,221 – 00136 Roma Tel 06 35404492 Fax +39 1782201336 P.IVA 08838561002
GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197/2014 | Direttore responsabile: Stefania Giacomini
Torna ai contenuti