BAL HARBOUR: LA CITTÀ DEI SUPER RICCHI | GOOD IN ITALY WEBTV - GOOD IN ITALY

PRESIDENTE ON. SANDRA CIOFFI
IN COLLABORAZIONE CON ITA | ITALIAN TALENT ASSOCIATION
Direttore Stefania Giacomini
Project Web Manager    Raffaella Giuliani

GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197 DEL 2014
Fondatori Giacomini - Giuliani

Vai ai contenuti

HOME | BAL HARBOUR: LA CITTÀ DEI SUPER RICCHI ARCHIVIO    

BAL HARBOUR: LA CITTÀ DEI SUPER RICCHI di Stefania Giacomini
Date: 02/05/2019
CURIOSITA' | GIOVANI TALENTI
______________________________________________
BAL HARBOUR: LA CITTÀ DEI SUPER RICCHI di Stefania Giacomini

Inizialmente volevano chiamarlo Bay Harbour, nome che è stato presto scartato perché non definisce correttamente una comunità con proprietà di fronte all'oceano. E così è stata creata una nuova parola, prendendo le lettere da "bay" e "Atlantic" per creare "Bal”. Da qui Bal Harbour, nome che definisce una nuova città che comprende baia e oceano.
Il villaggio dei sogni, che è stato immaginato più di 70 anni fa, prospera oggi, elevando il turismo nel sud della Florida con lo shopping esclusivo a Miami

e gli ambiziosi hotel a Bal Harbour immersi in una serie di spiagge incontaminate e ristoranti selezionati.
Oggi, gli hotel di Bal Harbour sono tra i luoghi più ambiti di Miami, accanto alle spiagge di sabbia bianca e grazieall'impegno di un servizio ricercato.
La visione di questo paradiso iniziò nel 1929 quando Miami Beach Heights, una società di sviluppo immobiliare con base a Detroit, acquistò la terra cruda. Diretto dall'industriale Robert Graham, con i soci Carl Fisher, da cui prende il nome Fisher Island e Walter O. Briggs, Miami Beach Heights ha iniziato il compito di creare una nuova comunità.
Fin dall'inizio, il Villaggio è stato concepito come una comunità moderna che avrebbe mantenuto standard eccezionalmente elevati e incoraggiato l'orgoglio civico. Lo sviluppo fu interrotto durante la seconda guerra mondiale, quando la terra fu affittata all'US Militare per $ 1 all'anno.
Dopo la guerra, il 14 agosto 1946, lo sviluppo iniziò sul serio. Nel dicembre del 1946, il primo hotel, Kenilworth-by-the-Sea, aprì.  Descritto come "ultra-moderno", il Kenilworth da 160 piani e in dieci piani ha promosso il concetto di "svago lussuoso". Nel decennio successivo, un totale di nove resort si allinearono sul lungomare del Village. Questi resort di livello mondiale hanno attratto un flusso costante di clienti di alto livello. Negli anni '50, Bal Harbour e Miami Beach erano considerati la Riviera americana, una calamita per i migliori musicisti e intrattenitori dell'epoca. Conte Basie e Guy Lombardo potevano essere visti mentre bevevano al Pump Room Lounge di Ivanhoe. Frank Sinatra e il suo Rat Pack frequentavano il Carnival Supper Club dell'American.
Nel 1953, Arthur Godfrey portò una notevole attenzione dei media sull'area quando fu il primo intrattenitore a trasmettere in televisione a livello nazionale da Bal Harbour. Ha trasmesso al suo pubblico radiotelevisivo, stimato tra i 40 e i 60 milioni, dal Kenilworth Hotel. Seguiranno altre personalità televisive, tra cui Jackie Gleason e Ed Sullivan. Gli hotel di Bal Harbour sono diventati rapidamente la destinazione scelta da innumerevoli dignitari, celebrità e presidenti.
Nel 1957, lo sviluppatore immobiliare Stanley Whitman, possedendo una visione che pochi comprendevano, acquistò 16 acri originariamente progettati per una stazione di servizio e un negozio di alimentari e di abbigliamento. Ma era convinto sul fatto che il centro commerciale fosse all'aria aperta, incluso un paesaggio lussureggiante e una struttura di parcheggio. Nonostante la resistenza di molti , i negozi aprirono nel 1965 con 30 affittuari di lusso, per lo più di New York. L'impresa ebbe immediatamente successo e  dopo, Whitman, allettò Stanley Marcus per aprire il suo primo Neiman Marcus al di fuori del Texas. Saks Fifth Avenue e altri rivenditori di fascia alta seguirono l'esempio. Bal Harbour è stato il primo centro commerciale per Cartier e Bulgari e le prime iniziative al di fuori di New York per Louis Vuitton, Prada e Sergio Rossi.
Oggi, celebrando più di 50 anni di attività, Bal Harbour Shops è riconosciuto come leader del settore e Stanley Whitman è ora ampiamente riconosciuto come il Walt Disney della vendita al dettaglio di lusso e come vedrete nel servizio i marchi italiani sono presenti in maniera massiccia.


GOOD IN ITALY © 2013  | PRIVACY POLICY  |   EMAIL GOODINITALY@GMAIL.COM
Cierredata srl - Servizi Web e audivisivi |  Sede Legale: Clivo di Cinna,221 – 00136 Roma Tel 06 35404492 Fax +39 1782201336 P.IVA 08838561002
GIORNALE REGISTRATO AL TRIBUNALE DI ROMA N. 197/2014 | Direttore responsabile: Stefania Giacomini
Torna ai contenuti